CATERINA CIVALLERO

E MARIA LUISA ROSSI

 

M. L. ROSSI 338 4677587

C. CIVALLERO 339 1461010  

 

 

Nel rispetto delle Leggi sulla Privacy abbiamo compiuto la scelta di non inviare mail infomative. 

 

 


facebook
instagram
twitter

MODALITA' GEMELLARE E DESTINO

07-06-2020 10:44

Civallero Caterina e Maria Luisa Rossi

News, Cinematografia e gemellarità, DESTINO, SCRITTORE , FANTASCIENZA, MISTICO, RUNNER, BLADE RUNNER,

MODALITA' GEMELLARE E DESTINO

Le persone non sanno di sapere, e a un tratto qualcosa d’inconscio si materializza e assume una propria forma nella realtà, molte di queste vivono seguendoun c

MODALITA' GEMELLARE

E DESTINO

Un giovane uomo candidato alla carica di senatore nello stato di New York, David Norris, basa la sua campagna elettorale sulla propria abilità oratoria e sulla giovane età. Ma l'ingenuità di David, compromette la sua vittoria, a causa della pubblicazione di una foto goliardica, che gli assicura però la simpatia e il voto di Elise, una promettente ballerina incontrata per caso. Nel tempo di un bacio i due protagonisti si innamorano, si perdono per cercarsi e ritrovarsi lungo le strade e sugli autobus della Grande Mela.

E' l'inizio della trama della pellicola firmata da George Nolfi nel 2011 dal titolo "I guardiani del destino".

Un amore però non previsto nel grande libro delle sorti umane, due esistenze che non avrebbero potuto incrociarsi. Si rivela quindi necessario l'intervento dei guardiani del destino, agenti operativi in giacca, cravatta e Borsalino, a servizio del Programmatore dei destini, con il preciso compito di ostacolare quell'amore, garantendo in apparenza il rispetto di un disegno più alto. Ma di fronte ad un susseguirsi di illogici ostacoli, David è pronto a sfidare gli ordini superiori, rivendicando il proprio libero arbitrio per poter vivere il grande amore.

Il film solleva la necessità di distinguere la realtà oggettiva da quella soggettiva, stimolando nello spettatore un cambio di prospettiva rispetto alla funzione della sorveglianza ossessiva esercitata dagli apparati di controllo. La percezione iniziale di un complotto, ordito ai danni dell'individuo, si trasforma sul finale del film, in uno stimolo ad andare oltre le linee prestabilite. Solo sperimentando la difficoltà di veder soddisfatta la propria necessità di amare, David trova la forza, l'audacia e il coraggio di affermare in modo assoluto la propria volontà di vivere la relazione con Elise.

L'obiettivo quindi del narratore non è di svelare il punto di vista soggettivo della percezione di un complotto a carico della coppia, ma di catalizzare la consapevolezza del protagonista dell'infinita potenzialità del pacchetto di abilità necessarie ad affermare la realizzazione di quell'amore.

Ma qual è il nesso con la modalità gemellare?

Il film prende vita dall'omonimo thriller sentimentale scritto da Philip Kindred Dick, scrittore statunitense, noto nell'ambito della fantascienza, la cui fama crebbe notevolmente dopo la sua morte, anche in seguito al successo del film Blade Runner del 1982, liberamente tratto dal suo romanzo Il cacciatore di androidi.

Dick nasce da parto prematuro con la sorella gemella Jane Charlotte, che morì a pochi giorni dalla nascita. Accanto al suo nome, i genitori fecero incidere sulla lapide di pietra quello del fratello sopravvissuto, con la data della loro nascita. Per tutta la vita, Dick manterrà con Jane un profondo e morboso legame, alimentando nei suoi confronti, un senso di colpa mai risolto unitamente a un forte senso di incompletezza.

Fin da bambino ha un'amica immaginaria, prima bimba e poi ragazza, figura idealizzata della perduta sorella Jane, compensazione di un lutto mai metabolizzato che all'età di 14 anni lo costringerà a delle sedute psichiatriche, durante le quali Dick iniziò a costruire e rafforzare la storia della sorella Jane e a raccontare di questa immaginaria compagna di giochi con i capelli e gli occhi neri, molto spigliata e coraggiosa. Molto diversa da lui, un ragazzo grasso e impacciato, miope, con problemi di relazione e attacchi di vertigini e agorafobia.

Tra il febbraio e il marzo del 1974 Dick incominciò a sentire voci e avere visioni in sogno e da sveglio. Convinto di vivere un'esperienza mistica e di essere in comunicazione con un'entità superiore che affermava essere un alieno, un'intelligenza artificiale, prese a scrivere l'"Esegesi", una mastodontica raccolta di appunti a carattere teologico-filosofico che alla fine conterà più di 8000 pagine, contenuti a suo dire ricevuti attraverso i contatti con altre dimensioni.

In diverse occasioni Dick stesso afferma inoltre, che le sue esperienze paranormali lo avrebbero informato che i suoi romanzi e i suoi racconti sarebbero in un certo senso veri.

Se nel famoso testo divinatorio cinese, ’I Ching", il lancio casuale di alcune monete consente di comprendere la struttura della realtà attraverso l’interpretazione di esagrammi , nei romanzi di Dick gli eventi assumono la funzione simbolica di chiavi di verità: ciò che sembrava un’allucinazione o una fantasia è la realtà che, con difficoltà, prova a manifestarsi.

Il soggetto è portatore di una qualche verità che è presente a priori, che giace nell' ombra dell’inconsapevolezza. Le persone non sanno di sapere, e a un tratto qualcosa d’inconscio si materializza e assume una propria forma nella realtà, molte di queste vivono seguendo un cammino non scelto perchè troppo timorose per esplorarne uno proprio.
Ma oggi più che mai è necessario essere persone abili a condurre nella dimensione reale le abilità custodite nelle pieghe dell'inconsapevolezza, superare gli ostacoli che il Programmatore dei destini umani distribuisce appositamente lungo la strada di ognuno.
Il grandioso messaggio che il tormentato Dick ci ha voluto trasmettere è che il libero arbitrio è un dono che potremo usare solo se e quando saremo disposti a lottare per ottenerlo.

Il vero piano dei guardiani del destino è che ogni individuo possa esprimere e realizzare il progetto che egli stesso ha scritto per se stesso.

David ed Elise sono pronti a lottare, ad usare abilità e talenti che li conducono all'utilizzo del loro libero arbitrio e quindi alla realizzazione delle scelte operate all'interno del proprio progetto di vita.
 

 

 

Privacy Policy

Come creare un sito web con Flazio